A pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca!

Chiameremo con la lettera “A” la prima cartina a sinistra e con la lettera “B” la cartina sulla destra dove è stata inserita una volpe sul Monte Scindarella ma forse inserire uno sciacallo sarebbe stata una scelta più appropriata.

Osservando le due immagini relative alla classificazione delle zone nel Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga (nella cartina “A” troviamo la zonizzazione individuata nel 1999 e nella cartina “B” quella in approvazione del 2016) sembrerebbe che la Natura in 17 anni si sia completamente trasformata; le macchie in verde scuro rappresentano la ZONA A, la Riserva integrale quella dove non è possibile toccare nulla e dove l’uomo è presenza sgradita.

E’ servito solo un rapido approfondimento del piano del Parco, in approvazione, per capire cosa sia realmente successo: invece di individuare le zone con alto pregio naturalistico, come accadde nel 1999 (cartina “A”), si è preferito un metodo più “semplicistico”: individuare una quota. Nel nostro caso quella di 2.100 metri sul livello del mare (Cartina “B”).

Ma per quale motivo si è scelta la precisissima altitudine di 2.100 metri ignorando tutte le altre?

Sappiamo solo che seguendo questo strampalato sistema , che gli altri 19 parchi italiani hanno proprio ignorato, magicamente è comparsa una macchiolina di ZONA A proprio sul MONTE SCINDARELLA (nel punto esatto dove abbiamo inserito la volpe, cartina “B”) dove, invece, nella precedente zonizzazione non era presente (cartina “A”).

Un caso? più che altro sembra un insulto e un affronto, l’ennesimo, nei confronti dei cittadini aquilani che rischiano, sempre con azioni rigorosamente eseguite in sordina, nuovamente di trovarsi ulteriori vincoli allo sviluppo turistico di quella zona.

 

zoom-ab

A confermare la superficialità e la malafede con la quale sono state selezionate le nuove aree c’è l’assurda scelta di tenere al di fuori della zona protetta le Valli del Venacquaro, Maone e parte di Campo Pericoli.  Un mistero che avvolge anche parti vicine a Capo D’Acqua: in quella zona già nel lontano 2000 sparì un S.I.C. e oggi sparisce anche dalla ZONA A.

 

Ci chiediamo, a questo punto, quali siano i reali interessi di chi ha condotto tali selezioni perchè, di sicuro, tra questi non c’è la salvaguardia della Natura.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...